n w    w w w w

baner
PERCORSO:   Lettere e comunicati stampa Comunicato stampa sulla mozione presentata in Consiglio Provinciale dalla Lega Nord riguardante la gestione del servizio idrico integrato
large small default
Comunicato stampa sulla mozione presentata in Consiglio Provinciale dalla Lega Nord riguardante la gestione del servizio idrico integrato PDF  | Stampa |  E-mail

 

Cremona, 30 novembre 2012

Ci sembra importante dare una lettura della mozione presentata dalla Lega Nord pochi giorni fa in consiglio provinciale. In essa si proponeva di emendare il provvedimento di adozione del piano d'ambito per la parte relativa al modello gestionale recependo il contenuto della mozione già approvata in marzo scorso nella quale si specificava che “la parte pubblica sia rappresentata da un unico soggetto giuridico partecipato dagli enti locali o da società integralmente possedute da un unico ente locale”. Una simile proposta, anche immaginando che possa essere nata con le migliori intenzioni, risulta del tutto inammissibile per i comitati acqua italiani. La delibera di adozione del piano d’ambito va ritirata in toto; comunque non è emendabile in quel senso, in quanto le aziende idriche devono essere partecipate direttamente dai comuni e in quanto scrivere “parte pubblica” presuppone necessariamente l’esistenza di una “parte privata”. Il testo era dunque incompleto ed ambiguo e benissimo hanno fatto tutti i consiglieri provinciali che hanno votato contro (probabilmente ognuno per ragioni diverse).

Nelle dichiarazioni rilasciate successivamente e secondo quanto riportato da La Provincia, la Lega Nord, pur dichiarando la sua preferenza per la gestione pubblica, ha poi assicurato di non mettere in discussione la tenuta della giunta provinciale e di ritenere comunque indispensabile l'ingresso di un privato per finanziare i futuri lavori sulla rete idrica.

I prossimi giorni ci diranno dunque se si è trattato solo di un maldestro inizio di campagna elettorale o se davvero, come preannunciato, la Lega presenterà in consiglio provinciale una mozione per la scelta di una gestione totalmente pubblica. Che auspichiamo però (se davvero c’è la volontà da parte della Lega di stoppare la privatizzazione dell’acqua) sia redatta con maggiore cura evitando errori ed ambiguità, magari scrivendola insieme a coloro che da mesi si stanno dannando per quell’obiettivo.

il Comitato Acqua Pubblica del Territorio Cremonese

 

Share